venerdì 20 luglio 2012

The Blues Had A Baby And They Named It Rock And Roll

The Blues Had A Baby And They Named It Rock And Roll (Il Blues ebbe un figlio che chiamarono Rock And Roll) recitava una canzone di Muddy Waters
clicca  QUI per ascoltare lo special:
Due ‘bianchi’ alla riscossa della musica ‘nera’ - Elvis Presley e Sam Phillips

Un giovane tecnico del suono di Memphis ha un sogno nel cassetto: fondare un’etichetta discografica con la quale pubblicare sia il genere country bianco sia il blues nero. Un giorno nella sua piccola sala di registrazione arriva un ragazzotto di soli 19 anni che vuol fare un regalo alla mamma per il suo compleanno: registrarle un disco con una vecchia ballata che le piace tanto. Quando il ragazzo si mette a cantare, il tecnico non crede alle sue orecchie: non ha mai sentito nulla di simile e gli propone di incidere un disco. Con “That’s All Right Mama” nasce e si diffonde un nuovo genere musicale, il rock ‘n roll, che porta alla ribalta mondiale uno dei più grandi produttori discografici mai esistito, Sam Phillips, fondatore della Sun Records, e consacra alla storia della musica la star più amata di tutti i tempi: Elvis Presley

Mettiamo ordine


8 commenti:

  1. Capisco quando si dice: Sì ma Elvis non è stato autore, ha solo "sfruttato" covers di neri facendole sue e riproponendole. Quando si va alle roots dei brani e si riascoltono le versioni originali spesso si dice: eh, ma sono un' altra cosa! Certo sono + ruvide. E così sarebbero rimaste se non fosse venuta fuori l' anima di Elvis. Perchè di anima si tratta. Qualcosa di viscerale che Elvis ha saputo tirare fuori. Questo il vero miracolo del personaggio Elvis. Confrontate il mondo musicale del 1954 e quello di Elvis nello stesso anno e capirete. Ancora oggi quando si vuole parlare di un brano citando l'autore, si dice: inciso da Elvis Presley. Ho detto tutto!
    Nessuno come LUI!

    RispondiElimina
  2. Ah, dimenticavo...notevole l'ascolto dello SPECIAL del ink QUI.
    Complimenti a BLUSSURIA per proposte come queste.

    RispondiElimina
  3. Nelle versioni originali c'è più autenticità (es.vedi Crudup in allegato al post è ) e soprattutto diritti, rubati e non riconosciuti in quegli anni dove iniziava a crescere l'industria discografica (eloquente l'attribuzione discriminante di associare ad Elvis i brani saccheggiati alla tradizione Blues). Il testimone di Elvis resta importante per la divulgazione e singolare sul profilo delle interpretazioni: questo è stato il R'n'R.

    RispondiElimina
  4. Come descritto giustamente nell'introduzione allo special, la genesi è avvenuta dall'unione di due e cioè country e blues, ma con in più la matrice ritmica dello swing, anche se molto semplificata. Insomma il titolo della canzone di Muddy Waters fa molto effetto, ma forse distorce la verità, o almeno ne nasconde una parte, sfruttando i sensi di colpa dei bianchi che con queste attribuzioni hanno forse sempre voluto lavarsi un pò la coscienza.

    RispondiElimina
  5. All you people, you know the blues got a soul
    Well this is a story, a story never been told
    Well you know the blues got pregnant
    And they named the baby Rock & Roll

    ...la citazione dello special era chiaramente riferita alle prime incisioni di Elvis (a cui anche lo special si riferisce) spudoratamente riprese da gente come Arthur Crudup (in particolare dal successo di That's all right Mama e My Baby Left Me). Ci sta che sia stato saccheggiato anche altro come il country (Blue Moon Of Kentucky di Bill Monroe e il repertorio di Hank Williams). Sia sul blues che sul country potremmo stilare lunghe liste. Ma naturalmente su bluessuria preferiamo scovare le radici citando il blues e la musica afroamericana. Amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, ma quanto Crudup e soci devono alla musica dei bianchi nello sviluppo del loro stile?

      E' interessante questo testo per approfondire la Babilonia sonora Americana:

      http://www.ibs.it/code/9788879662673/de-simone-mariano/doo-dah-doo.html

      Elimina
  6. ...non credo molto il valore aggiunto dell'influenza afroamericana non è riconducibile ad una semplice questione di stile ed è ricondotta oltre all'800. Ci sono testimonianze (i canti) che risalgono al 1619 a primo sbarco delle colonie brittaniche sul continente, vale a dire la costa orientale degli odierni stati uniti:
    "Oppressori e infami aguzzini ci chiedevan le nostre canzoni, dopo averci condotti in catene, le canzoni di gioia chiedevan: intonateci i canti di Sion. Potevamo noi forse cantare salmi e canti del nostro Iddio in quel triste paese straniero? Salmo 137:3,4
    Mentre per tornare a Crudup...ricevette lo sfratto in contemporanea al successo di Elvis...senza vedere mai un dollaro - ironia della sorte

    RispondiElimina
  7. vero, il punto di partenza si può ricondurre alla cultura "importata" con lo schiavismo ma il frullato si è arricchito nel corso dei secoli con influenze disparate e non solo musicali. Basti pensare al ruolo fondamentale che ha avuto la religione dei bianchi (adottata dagli schiavi neri come alternativa ai loro riti originali, come ben illustrato da Leroi Jones ne Il Popolo del Blues) nella creazione degli spirituals e quindi del blues. Poi purtroppo lo sviluppo delle questioni sociali nel corso dei decenni ha portato alle situazioni imbarazzanti citate da Bluessuria per il pover Crudup.

    RispondiElimina