sabato 26 novembre 2016

Wilco " If I Ever Was A Child" Speelklok di Utrecht

dall' Internazionale: Wilco, If I ever was a child Il sito francese La Blogothèque è specializzato nel produrre dei video unplugged di grande qualità. In questi anni è riuscito a far suonare gli Arcade Fire dentro un ascensore o a far esibire Jack White nel castello di Fontainebleau. Recentemente La Blogothèque ha ospitato i Wilco di Jeff Tweedy e li ha ripresi mentre suonavano in acustico dentro al museo Speelklok di Utrecht, nei Paesi Bassi, dove la band si trovava per esibirsi al festival Le Guess Who?. I Wilco hanno suonato due canzoni estratte dall’ultimo disco, il convincente Schmilco. Chi li ha visti in concerto lo sa, Jeff Tweedy e compagni dal vivo danno il meglio, e quindi questa performance è oro colato.

mercoledì 16 novembre 2016

Rolling Stones - Blue & Lonesome

Puoi inventare un suono, puoi creare dei riff, puoi essere la più importante rock band del mondo...ma poi senti il bisogno di tornare all'ovile per sentire vibrare lo spirito nero che scuote dentro di te!

lunedì 7 novembre 2016

Leonard Cohen (Montréal, 21 settembre 1934 – Los Angeles, 7 novembre 2016)

Dal Magazine IL avevo letto il 20 Ottobre questo articolo "Abbiamo rischiato di non ascoltare You Want It Darker, l’ultimo album che il cantautore canadese aveva deciso di accantonare. Il figlio Adam e la marijuana terapeutica l’hanno convinto a terminare il progetto Se proprio si deve cantare «la grande, inevitabile sconfitta che ci aspetta», se si deve fare una cosa assurda come mettere la vecchiaia e la morte in una canzone pop, che lo si faccia almeno «entro i confini della dignità e della bellezza». Sta qui il senso del nuovo album di Leonard Cohen You Want It Darker, una meditazione su Dio, sul dolore, sul sesso, sull’amore e sulla morte che mette assieme l’intensità dell’opera prima e la gravità del canto del cigno. Quando s’è trattato di rifinire la canzone che dà il titolo al disco, Cohen ha scelto uno dei suoni più cari che conserva nella memoria: il coro della Shaar Hashomayim, la sinagoga di Montreal un tempo presieduta dal bisnonno e dal nonno paterno, colonne portanti della comunità ebraica locale. Cohen cita in modo pressoché letterale il Kaddish. Fa girare il brano attorno alla parola «hineni», eccomi, la riposta di Abramo al Dio che gli chiede di sacrificare il figlio Isacco. A 82 anni, racconta un mondo che Dio vuole sempre più buio, descrive la fine della compassione e del senso di giustizia, e intanto fa i conti con l’età e la mortalità. Lo ha scritto tre mesi fa alla musa morente Marianne Ihlen: «Presto ti raggiungerò. Sappi che sono dietro di te, ti sono così vicino che non dovrai far altro che allungare la mano e toccare la mia». Abbiamo rischiato di non ascoltarla nemmeno, questa roba. Leonard Cohen aveva abbandonato le registrazioni del disco, vinto dal dolore provocato da fratture vertebrali multiple da compressione. È stato il figlio Adam, a sua volta cantautore, a convincerlo a tenere duro e fargli riprendere le session nella sua casa di Los Angeles, fra «esilaranti discussioni esoteriche alimentate dalla marijuana terapeutica», come raccontato su Maclean’s. «Capì», scrive il cantautore del figlio col quale collabora per la prima volta, «che la mia guarigione, se non la mia sopravvivenza, dipendeva dalla possibilità di tornare al lavoro». È stato Adam ad affiancare alle coriste che caratterizzano i dischi del padre il suono senza tempo di un ensemble maschile di quindici elementi che è stato ripreso due volte, per dare l’impressione di ascoltare un gruppo di trenta uomini. È stato lui a eliminare le programmazioni elettroniche degli album precedenti optando per un suono più “naturale”. Nessun lavoro di Cohen del nuovo millennio ha lo stesso equilibrio fra leggerezza e ponderosità, fra stile e intensità. Pare quasi di vederlo, Cohen, seduto su una poltrona medica mentre canta, o meglio recita queste canzoni. Lascia al produttore Patrick Leonard, al figlio e alla collaboratrice Sharon Robinson l’incombenza di scrivere le musiche di cinque dei nove brani dell’album. La voce sempre più bassa, arrochita ed espressiva è quella di un anziano che espone la sua età. L’aura d’autorevolezza e le sottigliezze della dizione sono pura aristocrazia pop. Cohen canta d’amore, compreso quello per una donna troppo giovane per lui, e poi nel trittico finale torna a riflettere sul tempo, la religione e la società, fra colori folk e di nuovo il coro della Shaar Hashomayim. Per essere un disco in cui si mette in dubbio l’esistenza di un disegno divino, in cui s’invita a farsi strada «fra le rovine dell’altare e il mall», You Want It Darker trasmette una strana sensazione di serenità. Se davvero fosse l’album conclusivo della storia di Leonard Cohen – non perché sia troppo malato per inciderne altri, ma perché come dice lui a una certa età ogni evento può scompaginare i piani – se davvero fosse l’ultimo, sarebbe un finale magnifico. Poi l'annuncio della morte e il conforto che Leonard Cohen si sia spento nel sonno. Leonard Cohen è morto nel sonno nella sua casa di Los Angeles dopo che le sue condizioni sono precipitate nel mezzo della notte. Lo ha rivelato il suo manager Robert B. Kory. «La morte è stata rapida, inaspettata e tranquilla» ha detto Kory, che con i dettagli resi noti ha fatto una prima luce sulla scomparsa del grande poeta e cantautore. Nessuna causa era stata indicata la scorsa settimana dalla casa discografica nel primo annuncio della morte sul sito internet dell’artista. Kory chiarisce ora anche la data della scomparsa, il 7 novembre, tre giorni prima che la notizia venisse resa pubblica. Cohen è stato poi seppellito a Montreal il 10 novembre, il giorno stesso dell’annuncio della morte, con una piccola cerimonia alla presenza dei familiari più stretti, i figli Adam e Lorca, e i tre nipoti Cassius, Viva e Lyon.

sabato 15 ottobre 2016

Eddie Taylor In Session - Diary Of A Chicago Bluesman 1953-1957

 
Poca fama e notorietà tra i grandi della Chicago Blues da ricordare. Nato a Benoit, Mississippi , da ragazzo Taylor ha imparato a suonare la chitarra e ha trascorso i suoi primi anni a suonare in Mississippi , dove ha insegnato al suo amico Jimmy Reed a suonare la chitarra. Lo stile di Eddie Taylor è profondamente radicato nela tradizione del l Mississippi Delta. La svolta classica nel 1949 Taylor si trasferisce a Chicago, Illinois. Nulla da invidiare ai grandi manici della scena di Chicago Eddie Taylor meriterebbe più spazio, anche se a quanto pare non era un maniaco di primo tiro e un cattura scena. Tra gli addetti ai lavori è particolarmente noto come principale accompagnatore di Jimmy Reed, così come ha affiancato gente come John Lee Hooker , Big Walter Horton , Sam Lay . Molte apparizioni sono ritratte in queste sessioni raccolte tra il 1953 e il 1957. Taylor è morto il giorno di Natale nel 1985 a Chicago, all'età di 62 anni, e fu sepolto in una tomba senza nome nel Restvale cimitero in Alsip , Illinois . E 'stato postumo inserito nella Blues Hall of Fame nel 1987. Una raccolta molto consigliata.
 

giovedì 13 ottobre 2016