sabato 3 luglio 2010

Howlin' wolf


Colpisce ancora l'amico Luigi Monge. Dopo Robert Johnson tocca a Arthur Chester Burnett (in arte Howlin' Wolf) ricevere una bella strapazzata su testi e contorni. Attendiamo di leggere questo lavoro che a quanto pare è fatto di nutrite pagine (>500) dedicate a questo storico e indimenticabile blues shouter.

3 commenti:

  1. Che bello!!!
    Il libro di Fabrizio Poggi,
    Angeli perduti del Mississippi - Storie e leggende del blues, l'hai letto, l' ho consigli??
    Quello su Robert Johnson ce l' ho ma devo ancora leggerlo.

    RispondiElimina
  2. sto facendo un po' fatica a seguire e soprattutto a leggere i libri sul Blues e di Blues. Questo in particolare per chi ne sa abbastanza diventa ridondante quando poi paradossalmente in Italia si ignora la rivista IL Blues (quest'anno compie 28 anni). Poggi non l'ho ancora acquistato.

    RispondiElimina