domenica 5 gennaio 2014

Caro Roberto riposa in pace.

Per il nostro caro blues l'anno si è chiuso con tristezza.  Roberto Ciotti ci ha lasciato proprio il 31 dicembre con il suo male ormai divenuto incurabile. Buon Viaggio Roberto!

Segue il ricordo di Ernesto Assante:
 
 
La sua chitarra non suonerà più, per lui non ci sarà un altro blues da piangere: è morto questa notte a Roma Roberto Ciotti, grandissimo chitarrista, musicista blues forte e originale, protagonista della scena italiana dagli anni Settanta. Aveva sessant'anni.

Ciotti è stato tra i più grandi chitarristi blues italiani, aveva uno stile asciutto e preciso, amava suonare scegliendo le note con attenzione e intelligenza, senza inutile spettacolarità, senza far mai mostra di inutile virtuosismo. Ma virtuoso lo era davvero, possedeva una tecnica notevole, ma la metteva tutta al servizio dell'espressione, della comunicativa, della passione. Era il blues che lo richiedeva, una musica che Roberto aveva amato fin da giovanissimo, quando al Folkstudio aveva conosciuto De Gregori e Venditti, e soprattutto con quest'ultimo aveva stretto un rapporto d'amicizia e di lavoro. Poi c'era la comune passione per il rock con Bennato, altro cantautore con il quale Ciotti ha collaborato spesso e volentieri. E i jazzisti, tanti, italiani e internazionali, con i quali ha percorso un gran pezzo di strada, con Maurizio Giammarco, con il quale forma i Blue Morning, con Chet Baker con il quale suona durante frequenti visite italiane del trombettista. Senza dimenticare il cinema e il rapporto con Gabriele Salvatores, per il quale ha realizzato le colonne sonore di Marrakesh Express e Turnè, che gli consentono di raggiungere un pubblico più ampio. Ma l'Italia dalla fine degli anni Ottanta in poi, gli aveva dato poche soddisfazioni, molti concerti, una produzione discografica legata soprattutto alle etichette indipendenti e poi, dal 2000 un lungo silenzio discografico, interrotto tre anni fa dalla pubblicazione di "Troubles and Dreams", seguito quest'anno da un nuovo album, "Equilibrio precario".

I suoi due album più belli restano quelli realizzati per la Cramps alla fine degli anni Settanta, il magnifico "Supergasoline Blues" e l'altrettanto bello "Bluesman", (ristampati in cd solo qualche settimana fa), due perfetti esempi non solo della sua bravura come chitarrista e cantante, ma anche della sua originalità, del suo modo di far blues pagando tributo e rispetto ai grandi maestri ma cercando, sempre e comunque, una sua strada personale, un suo stile. E lo aveva trovato e quello stile gli aveva consentito di costruirsi una bellissima carriera internazionale, raccogliendo grandi successi in Europa, Africa, Asia, soprattutto in Brasile dove teneva concerti applauditissimi.

1 commento: